C’era d’aspettarselo e i moniti alla vigilia di mister Andreucci erano fondati.
Quella di oggi al Ferruccio di Seregno è stata una partita ostica, difficile sia dal punto di vista tecnico sia dal clima surreale che ha avvolto uno stadio praticamente deserto.
Partono a rilento le due formazioni ce nel primo tempo non trovano sbocchi  da una parte e dall’altra. Poche conclusioni e per lo più imprecise, ci prova il Como con Cicconi, Gentile e Bradaschia senza però mai trovare lo specchio della porta.
Dall’altra parte una conclusione ravvicinata che Kucich para molto bene sul primo palo.
Nella ripresa il Como cerca di insistere e per 30/35 minuti pressa l’Arconatese (sempre molto ordinata e compatta) nella propria metà campo fin quando Gentile con una zampata sottomisura, devia in rete una conclusione di testa di Molino.
Palla al centro e fino al 50′ sarà una nuova partita con schemi per lo più saltati, lanci lunghi e tentativi a vuoto della squadra ospite che per la verità si rende pericolosissima allo scadere dei 5 minuti di recupero, ma la difesa lariana riesce a salvare seppur un po’ in affanno.
Andreucci negli spogliatoi conferma che quanto detto alla vigilia era da tenere in considerazione. Sono tutte partite difficili soprattutto quelle giocate dopo un derby che oltre a energie fisiche fa bruciare energie mentali. Ad ogni modo si ritiene soddisfatto del risultato aggiungendo che in campo si son viste buone cose a partire dal cambio di modulo in corsa che ha permesso alla sua squadra di soffrire un po’ meno in mezzo al campo.
Contento anche Gentile, autore del gol. Scherza dicendo che offrirà una pizza al compagno Molino per l’assist. In realtà anche se il pallone stava entrando in porta, il gesto istintivo di spingerlo in porta è stato provvidenziale in quanto, afferma, che non sapeva se dietro di lui c’erano avversari che avrebbero potuto spazzare.
Sulla partita conferma le difficoltà incontrate contro una formazione ostica ma aggiunge che l’importante è vincere e fare punti, condizione e bel gioco arriveranno con il tempo e il lavoro.